2 luglio 2017 - Primo contatto

Renault Koleos

Tra qualche mese sarà disponibile in Italia il nuovo SUV Renault Koleos. Rispetto al modello precedente, uscito già da qualche anno dal mercato, ha ben poco in comune oltre al nome. La nuova Koleos è un’auto solida sviluppata dalla base comune per i modelli Espace e Talisman e si pone come diretta concorrente di un’auto già presente in un nostro articolo: la Nissan X-Trail.

La linea dell’auto è massiccia ed imponente. Le dimensioni sono 4,67 metri di lunghezza, passo di 2,71 metri e 21,3 cm di altezza libera da terra, garantendo un’ottima capacità di carico: il bagagliaio parte da una capacità minima di circa 500 l per arrivare ad oltre 1700 l con i sedili abbassati. Il frontale è movimentato dai gruppi ottici al Led particolarmente allungati, denominati C-shape, che catturano l’attenzione. Per il resto spicca il grande logo Renault e le nervature del cofano. Il posteriore è molto squadrato, così come gli scarichi, mentre i gruppi ottici risultano sempre “allungati” andando quasi a congiungersi al centro e confermando la scelta di utilizzare linee semplici e spigolose. Un’auto che senza dubbio non passa inosservata, ma che verosimilmente o piace molto o piace molto poco.

Gli interni rispecchiano le linee dell’esterno. Le finiture sono di grande qualità tra cui si possono avere i sedili in pelle pieno fiore, di serie negli allestimenti più ricchi e che trasformano i sedili in autentiche poltrone. Dalla scelta dei materiali all’utilizzo dello spazio interno, si evince come l’abitabilità e il comfort siano due punti di forza per quest’auto. All’interno dell’abitacolo l’attenzione è catturata dal display centrale che permette di impostare e regolare ogni aspetto dell’auto. Tuttavia, non ci sono dettagli che diano particolare risalto, movimento e originalità, ma solo forme squadrate e minimali con qualche angolo smussato qua e là come per le bocchette di aereazione. Visivamente trasmette un’idea di concretezza e praticità, ma rischia di sembrare noiosa.

Le motorizzazioni presentate sono due ed entrambe a gasolio: 1.6 l da 131 cv in grado di erogare una coppia massima di 320 nm a 2000 giri/min e un 2.0 l da 177 cv e una coppia massima di 380 nm a 2000 giri/min. Per il 2.0 l è disponibile anche la trazione integrale a scelta mentre è obbligato l’abbinamento con il cambio X-Tronic, mentre nel caso del 1.6 l è disponibile solo la trasmissione manuale.
Gli allestimenti proposti sono tre: Zen, Intens e Initiate Paris. L’allestimento base Zen è disponibile unicamente in associazione al 1.6 ed  è già ricco dato che, ad esempio, comprende navigatore 3D integrato, impianto stereo digitale con 8 altoparlanti, Bluetooth, sensori di parcheggio, cruise control e il sistema di connettività per Android ed Apple. Tuttavia è l’allestimento Intens, per soli 2000 € in più, che permette all’auto di esprimersi al meglio aggiungendo i già citati fari full LED Pure Vision, schermo touchscreen da 8,7 pollici oltre che la telecamera posteriore ed i vetri posteriori oscurati. Dai dati la versatilità dell’auto sembra promettente offrendo, complice la trazione 4x4 e la buona altezza da terra, la possibilità di guidare in fuori strada leggero, così come la cura per il comfort la rende perfetta per i lunghi viaggi e per la città.

Rispetto al modello precedente la nuova Koleos è degna di nota e potrà a pieno titolo competere al meglio con le rivali nel segmento D non temendo confronti negativi, ma rispecchiando al meglio tutte le caratteristiche distintive come la versatilità e la scelta di materiali pregiati senza tuttavia presentare spunti innovativi per tale segmento.
La Koleos dovrebbe essere disponibile da metà settembre  e avrà un intervallo di costo che a rigore di listino partirà dai 31.100€ della versione base, che tuttavia non risulta particolarmente attrattiva; perciò più realisticamente dai 33.200€ per il 1.6 Intens fino ai 43.200€ del 2.0 l 4x4 Initiate Paris.   

di Ivan Buffagni

Le foto

Altri articoli