18 ottobre 2015 - Primo contatto

Porsche 911 Carrera 2.7 RS

Se si fosse scritto un libro sull’automobile ambientato in un mondo fantastico e celestiale, di certo la 911 Carrera 2.7 RS sarebbe stata una delle protagoniste. Abbiamo scritto “mitologicamente” perché in molti hanno parlato delle sue prestazioni,al bar del paese o sulle spiagge d’estate, probabilmente senza averla mai guidata. Tuttavia nessuno di questi sbagliava, quest’auto era ed è, un simbolo e una garanzia di intramontabile sportività.

Noi la immaginiamo affiancata ad altre vetture che ci scaldano il cuore, due tra tutte, la Ferrari 250 GTO e l’Alfa Romeo 8C 2300.

Di lei si è sempre parlato e si continua a parlare anche oggi. RS è stato il marchio per contraddistinguere tutte le Porsche stradali votate alle competizioni. Renn Sport, si trovava infatti ed omaggiare anche il modello 911 che venne presentato al Salone di Parigi nel 1972.  Oltre ad RS, compariva anche la sigla Carrera, ben visibile sulla fiancata in tinta Grandprixweiss. Il nome Carrera fu tratto dalla temutissima e durissima gara Carrera Panamericana, dove la casa di Stoccarda riscosse diversi successi.

Quindi, solo leggendone il nome, il messaggio verso il futuro guidatore era chiaro, nessun compromesso! Questa era ed è una vettura da corsa trasformata stradale.

Nel primo giorno di Salone furono vendute 51 vetture e nei venti giorni successivi, tutta la prima produzione. Questo obbligò la casa ad una seconda serie, altri 500 esemplari per giungere così ai 1000 che gli permisero di omologare la vettura per la classe Gr.3

La vettura era leggerissima, 900kg e il motore 2.7 litri da 210cv, le permetteva di volare fino a 240km/h e bruciare lo 0-100km/h in circa 6,0 secondi.

Ora, mentre state leggendo e sta nascendo una voglia matta e irrefrenabile di mettervi in garage un po’ di storia e del divertimento senza uguali, prendete fiato e comprate un biglietto per Silverstone. Il 25 Ottobre all’interno della pista più famosa del Regno Unito, vi sarà un asta dedicata al mondo Porsche e tra i tanti componenti e vetture, abbiamo scoperto che sarà in vendita una 911 Carrera 2.7 RS Touring.

Vi starete chiedendo perché il nome di questa vettura cresce di riga dopo riga, ma non temete, con il termine Touring avrete il classico alettone a “coda d’anatra”, i 255 Nm di coppia a 5100 rpm, il cambio a 5 marce e tutto ciò che vi aspettate per il massimo del divertimento e classicità. In più vi distinguerete per un allestimento meglio rifinito e curato, con ad esempio, gli specchietti retrovisori elettrici. 

Questo vi permetterà di farne la vettura per tutti i giorni, perché ricordate le Porsche non vanno lasciate chiuse in un garage sotto un telo impolverato, a loro piace essere guidate e a voi non potrà dispiacere farlo.

di Leone Longoni

Le foto

Altri articoli