14 luglio 2014 - Primo contatto

SEAT IBIZA CUPRA

 Il marchio Seat produce la Ibiza dal 1984, la variante più sportiva, denominata Cupra, è stata introdotta negli anni 90. Ha sempre avuto un bel caratterino e le novità presenti nella sua ultima evoluzione la portano a uno step superiore.

La gamma Ibiza è ricca di motorizzazioni e vari allestimenti, per la Cupra c'è “un solo numero”, 180, sono i cv sprigionati dal motore 1.4 TSI a 6200 giri/min e con 250 Nm di coppia, il divertimento è assicurato. Scatta da 0 a 100 Km/h in soli 6,9 secondi e raggiunge i 228 km/h di velocità massima. Un nuovo telaio, cambio DSG a 7 rapporti con comandi al volante, dischi freno maggiorati, cerchi in lega da 17 pollici e il differenziale elettronico a bloccaggio trasversale (XDS), uniti al peso contenuto di 1259 Kg, garantiscono una guida pronta e reattiva,un vero spasso per chi si trova al volante. All'interno il Climatronic permette di avere sempre la temperatura ottimale in abitacolo e il Seat portable system, consente tramite touch screen di gestire la navigazione e la radio/cd/mp3, completano il tutto il sistema di riconoscimento vocale e il Bluetooth.

Una piccola nota dolente riguarda il cambio DSG, non è una scheggia nei passaggi di marcia in modalità manuale, ma resta comunque divertente e ottimo se impostato su automatico.

Sulla Cupra sono montati i fari bi-xeno adattivi con luci diurne a led, un optional che permette di avere un'ottima visibilità anche nelle condizioni peggiori e che separatamente avrebbe un costo sicuramente proibitivo, che dire, basta scegliere il colore della carrozzeria perchè al resto ci ha già pensato la Seat.

Interessante anche il consumo medio di 5,9 l/100 Km, sportività, basse emissioni e consumi contenuti si uniscono perfettamente nella Seat Cupra, proposta a partire da 21.950 Euro.

Mito Quadrifoglio Verde, Punto Abarth Supersport, Opel Corsa Opc, sono tre esempi di valide concorrenti della Cupra, ma la lista si potrebbe allungare notevolmente. La Seat grazie a tutte le novità e al ricco allestimento di serie fa sicuramente un passo in avanti, ma sarà sufficiente? Di certo la concorrenza non starà a guardare!

A.C.

 

di Enrico Gussoni

Le foto

Altri articoli